[%ATTR_NAME%]

L'inverno è alle porte, le caldaie sono a posto?

Come ogni anno, nel periodo fra Settembre e Ottobre, c'è la necessità, dopo un lungo periodo di inutilizzo, di riattivare l'impianto di riscaldamento: a volte questa operazione può riservare alcune sorprese.

La maggior parte dei probemi che si possono riscontrare in questa fase possono essere risolti dall'idraulico o dal caldaista, ma può succedere che ci si accorga solo ora della presenza di una perdita sull'impianto di riscaldamento. Come? Il primo campanello di allarme è la perdita di pressione dell'impianto, riscontrabile dal manometro in caldaia, che però può essere causato anche da altri fattori: a tal merito si consiglia sempre di far controllore preventivamente dal proprio idraulico eventuali vasi di espansione e di far sistemare gocciolamenti dai termosifoni.

Per la ricerca perdite su impianti di riscaldamento si interviene con strumenti come la termocamera, il geofono, e il rilevatore di gas traccianti; ogni caso è diverso e, in base all'entità della perdita, uno strumento può essere efficacie più di un altro. Il vantaggio di avere una vasta gamma di strumentazioni aumenta la probalità di avere successo nella ricerca della perdita con conseguente riduzione dell'invasività della riparazione.

 

 

Scrivi un commento

Non ci sono commenti

Lascia il tuo commento

*

*

* (non sarà pubblicata)